[Video] Il nuovo commercialista Future EXPO. Come sarà il commercialista del Futuro

Al seguente link hai l’accesso diretto al video gratuito della serie ‘Come sarà il Commercialista del Futuro’

In questo video scoprirai come, insieme ai miei oltre 100 colleghi del network ‘Consulenti Aziendali d’Italia’, abbiamo trovato la via per migliorare il nostro lavoro, per aumentare la redditività dei nostri studi e, soprattutto, migliorare la qualità delle nostre vite.

Nessuno possiede tante competenze quanto un Commercialista e la nostra non può e non deve ritenersi una professione in crisi. Dobbiamo solo trovare il modo di ristrutturare il nostro lavoro ed io ti svelerò come fare

Se vuoi, allora, ottenere il massimo dalla tua professionalità e dalla tua preparazione, clicca sul seguente link o sull’immagine in basso per accedere direttamente al video: http://www.ilnuovocommercialista.it/future-expo-2015/

today

Buon lavoro!

— Simone Brancozzi

Sovraindebitamento-Tribunale Busto Arsizio 16.9.14-16.6.15

Spazio dedicato all’avv. Alessandra Paci, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Milano.

Crisi da sovraindebitamento: con il Piano del Consumatore ridotto dell’87% il debito verso Equitalia

Anche in Lombardia cominciano a vedersi le prime applicazioni della legge n. 3/2012, che consente ai cittadini di ridurre e cancellare i debiti verso banche, fisco ed altri creditori.

Il Tribunale di Busto Arsizio, con provvedimento del 16.09.2014, ha omologato un Piano del Consumatore che di fatto ha ridotto il debito di una impiegata in cassa integrazione verso Equitalia Nord da circa 87.000 euro a poco più di 11.000 euro.

Il piano proposto prevedeva la vendita dell’unico bene di proprietà della debitrice, 1/6 di un immobile, destinandone ad Equitalia, unico creditore per euro 87.000, il ricavato di circa 11.000 euro. Con l’omologa e l’esecuzione del piano il debito residuo viene in pratica cancellato, e non potrà più essere richiesto alla debitrice, con un effetto esdebitativo vero e proprio.

Il Piano del Consumatore è uno dei tre procedimenti introdotti dalla legge n. 3 del 27.1.2012, ed è rivolto in modo specifico ai privati cittadini che abbiano contratto debiti per motivi non ricollegati ad attività professionali ed imprenditoriali; è uno strumento molto recente, in quanto inserito nella legge 3 in un secondo momento, nel gennaio 2013, colmando così una lacuna del sistema legislativo italiano: prima di allora, contrariamente al resto dell’Europa, non esisteva in Italia un modo per risolvere situazioni di sovraindebitamento personale.

Per accedere al Piano del Consumatore occorre un requisito di meritevolezza: vi è da parte del tribunale una sorta di valutazione della condotta del debitore, che non deve aver assunto obbligazioni “senza la ragionevole prospettiva di poterle adempiere” e non deve essere ricorso al credito “in modo sproporzionato alle proprie capacità patrimoniali” .

Il tribunale, inoltre, deve verificare la fattibilità del piano proposto, insomma il debitore è tenuto a dimostrare di essere in grado di mantenere “le promesse fatte”.
Il contenuto del Piano del Consumatore non è prefissato dalla legge: il soggetto sovraindebitato può prevedere la vendita di un proprio bene, anche ad un parente, potrà mettere a disposizione il proprio reddito (salvo il necessario per vivere), o destinare ai creditori un’entrata futura (per esempio il TFR).

Tutto il procedimento si svolge davanti al tribunale, sotto il controllo di un particolare organo chiamato Organismo di Composizione della Crisi; i creditori invece non possono esprimere il loro parere, ossia non possono “votare” la proposta (pur potendo avanzare contestazioni, alle quali tuttavia il giudice non è vincolato) ed il Piano diventa obbligatorio per tutti con l’omologa da parte del tribunale.

Il Piano del Consumatore può essere un mezzo molto efficace per affrontare situazioni apparentemente irrisolvibili e disperate: non è un caso se la legge 3/2012 (che prevede anche altre due interessanti procedure, con caratteristiche parzialmente diverse) è stata definita “legge anti-suicidi”.

Lo strumento del Piano del Consumatore comporta naturalmente che cittadino sovraindebitato metta disposizione quello che ha per il pagamento dei creditori, evitando tuttavia che i debiti che vanno oggettivamente oltre le sue concrete possibilità possano continuare a gravare su di lui a tempo indeterminato, impedendogli di ripartire con la propria vita e di riprendere un posto dignitoso nella società.

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su http://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/

[Video] Case History: Come trovare nuovi clienti nel settore edilizia con il web marketing

Al seguente link trovi l’accesso diretto alla videoformazione gratuita della settimana Case History: creazione di un sistema di web marketing per un’azienda settore artigianato per edilizia’

Nel video di questa settimana ti mostro un esempio reale di successo di un’azienda mia cliente, produttrice di materiali per il settore edilizia, che ha incrementato le proprie vendite investendo tutte le sue attenzioni comunicative sul web marketing.

Scoprirai passo per passo quali sono state le chiavi di questo successo e tutte le attività, dalla definizione della tribù di riferimento allo sviluppo del piano comunicativo, che hanno portato alla costruzione di un sistema di web marketing in grado di produrre ogni giorno nuovi clienti!

Credo proprio che, alla fine di questo video, ti renderai conto delle enormi potenzialità del web nella nuova era economica che stiamo vivendo, che io definisco ‘connection economy’.

Avere un sistema di web marketing guidato e curato da professionisti del settore può permetterti di sfruttare infinite opportunità ed ottenere un vantaggio decisivo sui tuoi concorrenti!

Web Marketing parte 1

Web Marketing parte 2

Buon Lavoro,

— Simone Brancozzi

Idee di business nel mondo: la PaPella indossare uno stile di vita

Spazio dedicato alla’ Dott.ssa Esmeralda Trogu, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Oristano.

La PaPella indossare uno stile di vita…Simpaticissimi con un’ idea vincente. Ho conosciuto il team che ha ideato la PaPella ad un convegno, mi hanno colpito per la loro simpatia, mi hanno fatto sorridere e ridere per il loro modo easy di vedere la vita.
Cavolo mi sono detta che bello il loro stile.
Poi un’oggetto mi ha incuriosito, una borsa, ed io che adoro le borse non potevo non notarla.
Incuriosita ho chiesto cosa fosse e chi la realizzava.
Da un’idea è nato un business.

1)Come vi è venuto in mente la creazione della PaPella?

La borsa PaPella mi è venuta in mente al mare. Durante una di quelle giornate di sole in cui si passa tutto il tempo in spiaggia, dalla mattina alla sera. Quando ti sposti da uno stabilimento balneare all’altro per andare a cercare gli amici o a prendere un aperitivo un po’ più in la, dove lo fanno più buono.

2)Chi la può indossare?

Guardavo tutti questi ragazzi con le loro sacche di plastica portate come zainetti e ho avuto un’intuizione. Perché non realizzare qualcosa di simile anche per me, che non ho più sedici anni ma trentasette, ed ho bisogno di qualcosa di pratico per muovermi in diversi contesti, seppure col giusto stile?

3)Come la realizzate?

Ho pensato di realizzare una sacca analoga a quella dei più giovani, ma che, superando il concept dello zainetto, fosse indossabile da chi si può prendere più sul serio. La volevo giovanile ma importante, pratica ma di design, con materiali di qualità ed una certa ricercatezza dei dettagli.

Su mie indicazioni ho fatto realizzare un prototipo da un’artigiana di mia conoscenza, e l’ho utilizzata quotidianamente per diversi mesi. L’ho portata dappertutto, a piedi, in scooter, in bici, al mare; l’ho indossata anche nelle mie passeggiate in città ed addirittura sulle piste da ballo, senza sentirne il peso né il bisogno di appoggiarla da qualche parte. In tutti questi scenari si è dimostrata una soluzione molto valida, con un’eccellente riuscita estetica. Infatti molte persone si sono dimostrate incuriosite ed interessate alla mia sacca. A lungo termine ho riscontrato alcuni limiti: nell’ ambito professionale, in situazioni più formali, occasioni mondane di una certa rilevanza sociale, avevo bisogno non di una sacca zainetto, ma di una elegante tracolla. Non volevo però rinunciare alla praticità ed alla manualità acquisita con i vani e le tasche della mia sacca informale. Ho trovato una soluzione semplice e funzionale. Ho fatto applicare una tracolla regolabile e sganciabile.

Da quel momento in poi, la PaPella trasformabile è diventata quasi un oggetto di culto tra tutti i miei conoscenti, amici, collaboratori, clienti e fornitori. La frase: “Bella quella borsa, dove l’hai presa?” è diventata per me un tormentone. Rispondevo: “Questa è la PaPella, LA borsa più bella!” e ne ho fatto uno slogan. Ho pensato quindi di tutelare l’idea, che si era dimostrata così interessante, tramite brevetto.

La borsa è realizzabile in vari materiali, pelle, tessuti, sintetici. E’ utilizzabile in due configurazioni: come sacca con bretelline da indossare alla maniera di uno zainetto (immagine 1 e 2), oppure come borsa design da indossare a tracolla (immagine 3, 4, 5). I lacci bretellina possono essere anch’essi realizzati con più materiali e tecniche, treccine in pelle, cordini sintetici o altro.

Nella prima configurazione i lacci bretellina vanno ad essere parte integrante della chiusura della sacca attraverso un sistema scorsoio posto alla sommità della stessa . I lacci sono assicurati al fondo della sacca con anelli o moschettoni staccabili. Quest’ultima soluzione permette la separazione dei lacci dal corpo sacca nell’ eventualità di una realizzazione double face. I lacci andranno poi riagganciati al corpo sacca una volta completata la manovra di ribaltamento. ribaltamento.

Nella seconda configurazione la bocca della sacca viene aperta completamente, il sistema scorsoio permette di sfilare le bretelline e di fermarle in modo da mantenere la forma della borsa. All’ interno, in una tasca apposita, trova posto una tracolla regolabile da tirare fuori ed agganciare ad appositi anelli posti all’esterno. Questa configurazione si presta ad utilizzi più seriosi permettendo di avere una borsa moda da indossare all’ altezza preferita, regolando appunto la tracolla in dotazione.
L’eventuale presenza di anelli anche all’interno permette un utilizzo double face, consentendo di assicurare ad essi la tracolla dopo il ribaltamento.

Abbiamo realizzato una soluzione con una ulteriore fila di anelli, che permette di assicurare la cinghia regolabile ad un’ altezza inferiore e, ripiegando la parte superiore della borsa verso l’interno, di ottenere una nuova configurazione meno alta, che potremmo definire “a cartella”.

Considerando la molteplicità dei contesti di utilizzo si avverte che una simile idea di soluzione può essere realizzata secondo alcune differenti forme costruttive, tutte sostanzialmente equivalenti sul piano tecnico-funzionale. Possiamo variare i materiali e gli accostamenti tra tessuti e pellami e stiamo già considerando la realizzazione di una linea di accessori a tema: pensiamo ad una cintura, un portafogli o ancora un portachiavi personalizzato agganciabile all’ interno della borsa PaPella.

Pensiamo che la PaPella sia un prodotto vincente in ambito metropolitano, dove gran parte degli spostamenti vengono effettuati a piedi, in scooter, in moto, in bici. Noi non vendiamo le borse! Noi abbiamo creato uno stile di vita!!! Indossare oggi la PaPella è indossare uno stile di vita. L’uomo che sceglie la PaPella è istrionico, anticonformista, esigente, conquistatore, moderno, elegante, sportivo, incontentabile.

Ma dove volete arrivare?

Alla domanda di dove vogliamo arrivare non ti so dare una risposta precisa ma una cosa è certa: vogliamo essere ricordati per quello che stiamo facendo, vogliamo essere ricordati come quelli che hanno inventato un nuovo stile, lo stile PaPella.

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su http://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/

Ti svelo il programma completo de ‘I 12 Pilastri Aziendali’, 10-11 Luglio Tag Hotel di Fano

L’imperdibile evento del 10-11 Luglio, ‘I 12 Pilastri Aziendali. Come ancorare l’azienda sulla roccia e renderla indistruttibile, è ormai vicinissimo e voglio quindi svelarti il programma completo e dettagliato delle due giornate che trascorreremo a Fano.

L’evento ha ottenuto un incredibile successo ed anche questa volta saremo più di 150. E ti avverto che sono rimaste solo le ultimissime camere al Tag Hotel****…

Quindi se vuoi la comodità di pernottare presso il Tag ed evitare scomodi spostamenti ed eventuali problemi logistici, affrettati a prenotare!

Scopri subito il programma completo e poi iscriviti, trovi tutto cliccando al seguente link o sull’immagine del video sotto: http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali-video-1-2-3-4-2/

pilastri

Ecco tutti gli argomenti che approfondiremo insieme durante queste 2 intense giornate insieme:
– Come far diventare dei veri e propri FAN i tuoi clienti
– Definire un PIANO STRATEGICO COMPLETO di Analisi di Scenario, analisi SWOT e di obiettivi da raggiungere
– Decidere se la tua azienda è un’azienda ROS o un’azienda TOCI
– Costruire una MAPPA STRATEGICA e definire dei KPI (Indicatori Chiave di Performance)
– Gestire l’azienda SENZA FARE DEBITI o comunque tenendo sotto controllo il MASA
– SCRIVERE l’ORGANIGRAMMA e definire CHI fa CHE COSA
– Innovazione, Design e PENSIERO DIVERGENTE
– Costruire un sistema di web marketing compatibile con la CONNECTION ECONOMY
– La necessità di implementare un SISTEMA DI CONTROLLO all’interno della tua azienda, Cruscotto di Controllo e Balanced Scorecard
– L’AUTOFINANZIAMENTO, reinvestire gli utili in azienda
– DELEGARE il ‘quotidiano’ per concentrarsi sulle attività di pianificazione e strategia
– La condivisione degli utili per INCENTIVARE I TUOI COLLABORATORI e renderli partecipi e propositivi nella tua organizzazione

Ci sarà, poi, in anteprima assoluta ed in esclusiva per tutti i partecipanti, la presentazione del nuovissimo MINI CRUSCOTTO di CONTROLLO AZIENDALE, uno strumento semplicissimo da installare, governare e consultare, che si adatta perfettamente a qualsiasi tipologia di aziende, anche a quelle di piccole dimensioni!

Ti ricordo che la partecipazione all’evento include…
– 2 giorni di vero valore. Il Prof. Brancozzi ti insegnerà i 12 segreti per ancorare il tuo business sulla roccia e renderlo indistruttibile!
– 1 notte al TAG Hotel**** in camera singola o doppia (se vieni accompagnato);
– 2 pranzi e bevande – 10 e 11 Luglio, presso il Ristorante del TAG Hotel**** ;
– CENA e bevande del 10 Luglio, al Ristorante interno del TAG Hotel**** ;
– 1 colazione;
– Tutto il Materiale didattico presentato all’evento;
– attestato di partecipazione;
– un CHECK UP STRUTTURALE GRATIS della tua azienda o di quella di un cliente che verrà all’evento con te, analizzandola approfonditamente e valutando, uno ad uno, come si ponga rispetto ai 12 Pilastri aziendali

Bonus – Avrai anche a disposizione i seguenti servizi gratuiti:
– WI-FI FREE
– Segreteria ricezione chiamate durante l’evento (Vuol dire che, se vuoi, potrai deviare tutte le tue chiamate ad un numero messo a disposizione dell’hotel, a cui risponderà una segretaria della reception. In qualsiasi momento potrai richiedere la lista delle chiamate ricevute: quindi potrai tranquillamente spegnere il cellulare!)
– Tablet e PC di cortesia fornito dall’hotel (su richiesta con email specifica a parte dopo aver prenotato *fino ad esaurimento)
– Garage gratuito coperto e custodito interno all’hotel, con collegamento diretto in ascensore alle camere
– Accesso gratuito alla sauna e alla palestra interna dell’hotel

eXtra Bonus ‘Amico GRATIS’:se vuoi puoi iscrivere con te un accompagnatore che avrà, completamente GRATIS, incluso nel prezzo della tua iscrizione:
– Completo accesso all’evento ed ai suoi bonus
– 2 pranzi (10-11 Luglio) e Cena al Ristorante interno del 10 Luglio (tutto al Tag Hotel****)
– Pernottamento 1 notte e prima colazione in camera doppia insieme a te

Come puoi vedere, dal programma, dai bonus, dall’organizzazione, ho cercato di pensare proprio a tutto, per metterti nelle migliori condizioni di affrontare questi 2 giorni di formazione UNICA, INTENSISSIMA e FONDAMENTALE per il tuo sviluppo professionale o imprenditoriale.

Quindi non aspettare oltre, RISERVATI subito uno degli ULTIMISSIMI POSTI a disposizione e porta il tuo AMICO GRATIS, trovi tutte le info sul corso e su come iscriverti al seguente link: http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali-video-1-2-3-4-2/

Buon Lavoro!

— Simone Brancozzi

[Video] Mini Cruscotto di Controllo: come controllare i 12 pilastri aziendali

I 12 Pilastri Aziendali sono 12 regole di buon governo, 12 procedure che, se attuate in azienda, NE GARANTISCONO IL SUO SUCCESSO. Ma queste procedure devono anche essere necessariamente misurate e controllate…

In questo video ti svelo uno strumento eccezionale, il Mini-Cruscotto di Controllo, che sarà presentato in anteprima all’evento del 10-11 Luglio a Fano, ‘I 12 Pilastri Aziendali. Come ancorare l’azienda sulla roccia’, uno strumento ideato proprio per capire se, effettivamente, le azioni legate a queste 12 procedure stanno trovando un’efficace attuazione in azienda o se sono lontane dagli obiettivi fissati e dai risultati aspettati.

Uno strumento semplicissimo da installare, governare e consultare, che si adatta perfettamente a qualsiasi tipologia di aziende, anche a quelle di piccole dimensioni!

Ti ricordo che oggi è l’ultimo giorno per potersi iscrivere al PREZZO OFFERTA di € 185,00 (IVA inclusa), da domani il prezzo salirà fino a € 230,00!

Quindi guarda il video, scopri le info su questo grande evento e prenota subito, per risparmiare ben 45 euro!
Scopri il Mini-Cruscotto di Controllo guardando questo video, clicca al seguente link o sull’immagine qui sotto: http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali-video-1-2-3-4/

^1E53E8547BD02A5F6B451983FF672997179598FA943EA23AB1^pimgpsh_fullsize_distr

[Video] Case History: come migliorare le performance e la gestione di un ‪calzaturificio‬ artigianale

Ciao,

Vorresti uno strumento di gestione che ti facesse PRODURRE UTILE NELLA TUA AZIENDA indicandoti cosa fare e come migliorarti?

Per la videoformazione gratuita di questa settimana ho realizzato una serie di nuovi video in cui ti mostro un case history reale, nel quale ho completamente rivista, insieme all’imprenditore, tutta l’organizzazione del suo calzaturificio artigianale, in modo pratico, semplice ed efficace.

Questo attraverso tre attività di valore assoluto, che ti spiego passo per passo:
1. Analisi di scenario
2. Analisi SWOT (punti di forza, di debolezza, opportunità e minacce)
3. Definizione degli indicatori chiave di performance (KPI) da monitorare e i loro pesi all’interno del nostro cruscotto di controllo, per migliorare costantemente ogni area ed ogni attività dell’azienda.

Una formazione con oltre 50 minuti di contenuti di altissimo valore, totalmente gratuita e fruibile subito online!

Per l’accesso diretto al video vai subito al seguente link o clicca sull’immagine qui sotto: http://www.imprenditoreitaliano.it/videoformazione-gratuita-cruscotto/

simooooo

E nel mio prossimo evento ‘I 12 Pilastri Aziendali. Come ancorare l’azienda sulla roccia e renderla indistruttibile’, il 10-11 Luglio 2015 a Fano, presenterò un innovativo ‘mini-cruscotto’ o ‘cruscottino’ (chiamatelo come preferite), costruito sulla base dei 12 concetti fondamentali da me individuati per garantire il successo di un business.

Sebbene il Cruscotto di Controllo sia adattabile ad attività di qualsiasi dimensione, il mini-cruscotto è un nuovo concetto di controllo, più semplice e veloce nella gestione, nell’implementazione e nella lettura, meno approfondito ma in grado di fornire ugualmente all’imprenditore un sostegno immediato ed efficace, anche e soprattutto nelle attività di piccole dimensioni.

Non perderti questa grande novità. guarda il video al seguente link e scopri tutti i dettagli dell’evento: http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali/

Buon Lavoro

— Simone Brancozzi

Principali adempimenti del mese di giugno

Spazio dedicato al Dott. Federico Giuliani, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Ancona.

Gentile Cliente,

inviamo questa comunicazione allo scopo di fornire una panoramica dei più importanti adempimenti in scadenza il mese di giugno.

Gli adempimenti fiscali sotto riportati riguardano la maggior parte dei contribuenti: per un dettaglio più ampio degli adempimenti in scadenza è possibile consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate all’indirizzo internet

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Strumenti/Scadenzario/

16/06
• IVA – contribuenti mensili: liquidazione e versamento dell’iva dovuta relativa al mese di maggio 2015
• IVA – dichiarazione annuale: i contribuenti che hanno deciso di pagare ratealmente il debito iva dell’anno 2014 devono versare la quarta rata
• IRPEF: versamento delle ritenute operate a maggio 2015 relative ai redditi di lavoro autonomo (codice 1040), dipendenti e assimilati (comprese addizionali regionali e comunali)
• IRPEF: versamento delle altre ritenute alla fonte operate nel mese di maggio 2015 (ad esempio ritenute su provvigioni per rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione e di rappresentanza – codice tributo 1038)
• INPS: versamento dei contributi mensili di lavoro dipendente da parte dei datori di lavoro
• IRPEF: versamento del saldo in unica soluzione o prima rata delle imposte IRPEF o delle imposte sostitutive a titolo di saldo 2014 e primo acconto per il 2015 dovute in base alla dichiarazione UNICO delle persone fisiche o delle società di persone
• IRAP: versamento del saldo in unica soluzione o prima rata IRAP a titolo di saldo 2014 e primo acconto per il 2015 dovute in base alla dichiarazione delle persone fisiche o delle società di persone
• INPS artigiani e commercianti: versamento in unica soluzione o prima rata del saldo anno 2014 e acconto anno 2015 della gestione separata artigiani o commercianti
• IRES (soggetti che hanno approvato il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio): versamento in unica soluzione o prima rata dell’IRES e dell’IRAP a titolo di saldo 2014 e primo acconto 2015
• IVIE: scade oggi, per le persone fisiche residenti in Italia che siano titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento su immobili situati all’estero, il versamento dell’IVIE come risulta dalla dichiarazione unica, a titolo di saldo 2014 e di acconto 2015
• IVAFE: scade il termine, per le persone fisiche residenti in Italia che detengono attività finanziarie all’estero, per il versamento dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2014 e primo acconto 2015 (o prima rata in caso di versamento rateale)
• CEDOLARE SECCA: per i contribuenti che si sono avvalsi nel 2014 del regime della “cedolare secca” scade oggi il termine per il versamento del saldo dell’imposta dovuta per il 2014 e della prima rata di acconto per il 2015
• CAMERA DI COMMERCIO: scade oggi il versamento del diritto annuale camerale per l’anno 2015
• IMU e TASI: versamento della prima rata di acconto per il 2015
25/06 • INTRASTAT: presentazione degli elenchi Intrastat del mese di maggio 2015 per i soggetti che hanno periodicità mensile
30/06 • ELENCHI SAN MARINO: Comunicazione mensile delle operazioni di acquisto da operatori sanmarinesi annotate nei registri iva nel mese precedente
• CONTRATTI DI LOCAZIONE non soggetti a cedolare: versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazioni e affitto stipulati o rinnovati dal 01/06/2015 (il versamento deve essere effettuato entro il trentesimo giorno dalla stipula o dalla scadenza dell’annualità)
• RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI: termine di redazione e giuramento della perizia di stima nonché di versamento dell’imposta sostitutiva relativa all’affrancamento dei valori di acquisto delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e dei terreni posseduti alla data del 1° gennaio 2015

Quanto riportato sopra vuol essere un elenco esemplificativo ma non certamente esaustivo degli adempimenti fiscali in scadenza al mese di giugno 2015.

Lo Studio non è responsabile di tutti gli altri adempimenti previsti dalla normativa vigente e non inseriti nell’elenco sopra riportato.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni eventuale richiesta o chiarimento e per qualsiasi vostra opinione in merito a questa iniziativa.

Studio Giuliani
www.studiocommercialegiuliani.it

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su http://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/

Ma tu non desideri ottenere risultati migliori?

Ma tu non desideri ottenere risultati migliori?

Sembra una domanda stupida. Naturalmente tutti noi vogliamo che la nostra organizzazione, il nostro lavoro, il nostro business migliori costantemente. Ma spesso, non ce ne curiamo a sufficienza.

Per migliorare occorre cambiare, muovere lo status quo all’interno della nostra attività, ma il cambiamento significa rischio ed il rischio genera paura!

Spesso accade che un’organizzazione sia piena di persone punite soltanto perché hanno cercato di migliorare le cose e questo perchè il ‘boss’ ha paura del cambiamento.

E’ come se l’imprenditore o il professionista fosse un paziente che, ricevuta la cura dal proprio medico, in realtà non prendesse tutte le medicine prescritte. O come se fosse il ‘classico’ burocrate che finge la propria impotenza perché è molto più facile scrollarsi di dosso un problema da risolvere di quanto lo sia affrontarlo.

Nella connection economy ci sono innumerevoli modi per imparare e migliorare: ascoltare ed interagire con i propri clienti, ma anche con gli innumerevoli utenti che si possono intercettare nella nostra attività (l’esempio a me più caro è sicuramente il web), o anche formarsi e nutrire il proprio cervello di contenuti di qualità, raccogliere informazioni e preziosi suggerimenti da chi ha più esperienza più di noi.

Prima che tu o la tua organizzazione rifiutiate di spendere del tempo su queste attività, si deve rispondere alla domanda che ti ho posto all’inizio di questa mail, “Ma tu non desideri ottenere risultati migliori?”

Devi risolvere subito questa questione e puoi iniziare il tuo processo di ‘upgrade’, partecipando al mio prossimo evento ‘I 12 Pilastri Aziendali. Come ancorare l’azienda sulla roccia e renderla indistruttibile’, 10-11 Luglio al TAG Hotel di Fano, due giorni di formazione di altissimo livello in cui ti svelerò i 12 concetti fondamentali che devi assolutamente conoscere e governare, per garantire il successo presente e futuro del tuo business.

Ho appena realizzato un video in cui ti mostro tutto il potere della connection economy, della condivisione e della formazione di alto livello, in poche parole tutto ciò che perdi non partecipando al mio prossimo evento…

Guardalo subito cliccando al seguente link o sull’immagine del video sotto: http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali-video-1-2-3/#videocollage

img 1

Non aspettare ancora, confermaa subito il tuo posto riservato prima che sia troppo tardi… Trovi tutte le informazioni sul mio prossimo evento ed il form per prenotare su http://www.imprenditoreitaliano.it/i-12-pilastri-aziendali-video-1-2-3

Buon lavoro!

— Simone Brancozzi

Osservazioni sulla reintroduzione della pena del falso in bilancio.

Spazio dedicato al Dott.Prof.Luca De Gennaro, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Pescara.

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della Legge 69 del 2015 viene ripristinato il reato di falso in bilancio.

A partire dal 14 giugno 2015, le società che approveranno i bilanci saranno sottoposti all’ osservanza di questo reato. La norma riguarda sia le società quotate che quelle non quotate.

C’è poco da dire sul reato di falso in bilancio, che rientra nel novero dei reati di false comunicazioni, ricompreso nell’articolo 25 ter del d.lgs.231 del 2001.

Le osservazioni che voglio avanzare sono di tipo applicativo, ovvero: essendo la data di entrata in vigore della norma il 14/06/2015 ed essendo possibile che le società si trovino ad approvare il bilancio nel più ampio termine dei 120 giorni, prevedibile nello statuto societario, ci si può trovare, senza molte difficoltà, di fronte alla seguente situazione:

• società “virtuose” che hanno approvato il bilancio entro il termine breve, ovvero il 30 aprile, e che potrebbero aver commesso il reato in questione, ma non perseguibili;

• società che invece approvano il bilancio, utilizzando il temine lungo dei 180 giorni, per svariati motivi, come ad esempio operazioni di fusione, scorporo o perché partecipanti in società estere, si vedono soggette alla nuova disciplina.

Non avrebbe dovuto essere la data di approvazione, o di deposito, del bilancio, la questione non è

ancora ben chiara, a dettare la linea di demarcazione tra vecchia e nuova disciplina, ma più

semplicemente l’esercizio amministrativo, ovvero l’anno di competenza del bilancio.

La nuova disciplina prevista dagli articoli 2621 e 2622 del Codice Civile prevede l’esposizione di

fatti non corrispondenti la verità nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali previste

dalla legge, dirette ai soci e/o al pubblico.

Si tratta di un reato di pericolo e non più di danno. La rilevanza penale potrebbe scattare:

o nel momento del deposito presso la sede sociale;

o nel momento dell’approvazione del bilancio.

La dottrina e la giurisprudenza, in passato, non sempre sono state concordi.

Il nuovo reato e la 231/01

Società non quotate

Nelle società non quotate gli amministratori, gli organi direttivi, i sindaci e i liquidatori che “consapevolmente espongono fatti materiali non rispondenti al vero, ovvero omettono fatti materiali rilevanti” la cui comunicazione è imposta dalla legge, e lo fanno in maniera “concretamente idonea a indurre altri in errore”, rischiano da uno a cinque anni di reclusione. Stessa pena si applica per le falsità o le omissioni riguardanti beni amministrati o posseduti per conto terzi.

Vengono modificate anche le sanzioni amministrative, previste in quote dal d.lgs. 231/01 da pagare da parte della società rea:

• da 100 a 200 quote, se il fatto è lieve;

• fino a 400 se il fatto è grave.

Società quotate

Gli Amministratori, gli organi direttivi, i sindaci e i liquidatori di società emittenti strumenti finanziari in Italia o Ue che nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali dirette ai soci o al pubblico

“consapevolmente espongono fatti materiali non rispondenti al vero ovvero omettono fatti materiali rilevanti” vengono puniti con la pena della reclusione da tre a otto anni. Nel novero rientrano, tra la altre, anche le società che “fanno appello o comunque gestiscono il pubblico risparmio”.

Anche le società quotate rispondono amministrativamente, d.lgs. 231/01, dei reati dei loro dirigenti, con sanzioni che partono da 400 e arrivano a 600 quote.

Luca De Gennaro
Dottore commercialista
Revisore contabile

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su http://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/